degustazioni

Una cena tutta a base Riesling. Una cena diversa.

Quattro Riesling abbinati a quattro portate non necessariamente antipasto, primo, secondo e dolce.
Nessuna sequenza tradizionale, semplicemente quattro piatti ideali per essere abbinati a quattro Riesling diversi, da quattro zone vitivinicole diverse.

Il Riesling è spesso considerato l’enfant terrible dei vitigni a bacca bianca, esattamente come il Pinot nero per i rossi.
Buccia sottile, fragile, difficile da portare a maturazione, con una naturale predilezione per i climi freddi e per i fiumi.
Freschissimo di acidità inaudite, elegante, affilato come la spada di un Samurai.

I RIESLING

Mosella
Cuore del Riesling tedesco. Lungo le rive del fiume le vigne disegnano il paesaggio, arrampicandosi sulle scoscese colline a ridosso dell’acqua sottostante. La tradizione storica prevedeva la produzione di vini dolci, a partire dagli anni novanta del novecento si è progressivamente arrivati ai vini secchi di oggi, con un passaggio graduale attraverso molti vini semi secchi, oggi diventati vero simbolo della Mosella.
Riesling Kabinet 2017 – Schloos Lieser
Alsazia
Di dominazione tedesca o francese a seconda dei periodi storici. La vicinanza del Reno a est, che oggi è confine tra le due nazioni, l’influsso dei monti Vosgi a ovest, le peculiari caratteristiche dei terreni fanno dell’Alsazia una delle zone vitivinicole più pregiate di Francia. Tra i molti vini qui prodotti un posto speciale è occupato dal Riesling. Meno esili, più strutturati, senza tuttavia perdere l’eleganza tipica del vitigno.
Riesling d’Alsace 2016 – Jean et Hubert Heywang
Langhe
Famose per i grandi rossi a base Nebbiolo, Barolo e Barbaresco, alfieri dell’enologia rossa italiana. Non tutti sanno però, che in un luogo così vocato per il vino, ben si è adattato il Riesling, che oggi molti produttori considerano “la sposa perfetta del Barolo”. Ottima la qualità raggiunta ed interessanti le potenzialità di invecchiamento.
Riesling Pétracine 2017 – Vajra
Oltrepò Pavese
Spesso bistrattato dal punto di vista enologico. Storia vecchia, fatta di produzioni importanti, spesso senza troppo badare alla qualità. Oggi l’Oltrepo è una della realtà di produzione, per spumanti e vini fermi, più pregiata d’Italia. In una terra così adatta alla produzione di vino, da secoli si è ben ambientato il Riesling, sia nella versione italica che in quella renana.
Riesling San Rocco Riserva 2011 – Castello di Stefanago

I PIATTI

Le tre scottone e i tre olii
Non si tratta nè di una canzone di Max Pezzali nè di una favola dei fratelli Andersen: tre basi identiche unite ad accompagnamenti che impreziosiranno il gusto della nostra scottona di Fassona piemontese in modo unico e distinto.
Olio Grimaldi
“La Spineta” Dop Terra di Bari
“O’Lilla” Soc. Agricola Presadi
Filetto di maiale con polenta e salsa al casera
Uno dei vaccini DOP più famosi della Lombardia abbraccia polenta e maialino in un matrimonio perfetto tra eleganza e umiltà.
Se fosse un film si intitolerebbe “La principessa Sissi incontra Heidi” .
Filetto di maiale con pomodori secchi e pane croccante ai capperi
Non si scherza col Mediterraneo…o forse sì…
Un semifreddo, un’insalata, forse solo il prodotto di un delirio di onnipotenza dello chef. Un filetto, cotto rigorosamente a bassa temperatura, accompagnato da petali di pomodori secchi e capperi siciliani su un piccolo disco di pane croccante.
Risotto quaglie e parmigiano reggiano 36 mesi
Si dice che la stagionatura 36 mesi del Parmigiano Reggiano detto anche “Il Nobile” sia dedicata al Duca di Parma Ranuccio I Farnese che nel XVII sec. chiese al turnario del suo casato una variante del già noto “caseus parmensis” che ben si accompagnasse alla selvaggina più servita durante i suoi suntuosi banchetti: la quaglia.
Il nostro carnaroli (km 0 Cascina Battivacca) officia così l’unione perfetta, così perfetta, che potrebbe anche convincervi che l’incipit di questa  descrizione non sia frutto di fantasia.
L’abbinamento?
Venite a scoprirlo mercoledì 21 novembre da Wineroad Milano!
data: 21 novembre
ora: 20:00
posti: 24
Prezzo: 45

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *